Ministero della Cultura

Menu
Sei in: Home / Attività / Progetti

MuD. Museo Digitale

Idee a confronto per l'innovazione del web culturale

Nato dalla collaborazione tra la Direzione generale Musei e la Ales Spa –  società in house dei beni culturali, il progetto MuD Museo Digitale nasce con l’obiettivo di aumentare le performance dei Musei statali in ambito digitale, potenziando in modo consapevole l’aspetto tecnologico della comunicazione con lo scopo di valorizzare il Patrimonio Culturale a livello nazionale ed internazionale.

MuD parte dalla convinzione che la tecnologia sia in grado di amplificare il messaggio culturale – offrendo ai fruitori altre opportunità di vivere il museo rispetto all’estemporaneità della visita – e intende supportare concretamente i Musei nella progettazione della propria identità digitale e nell’individuazione di una strategia efficace per l’audience engagement.

Presentato alla Social Media Week Rome, MuD parte con la data zero del 10 giugno 2015 e annuncia la volontà del MiBACT di creare, con il coinvolgimento di tutti i portatori di interesse, il MUSEO 3.0.

Il progetto Museo Digitale nasce nell’era della Riforma dei Beni Culturali che punta alla creazione di un Sistema museale nazionale spingendo l’acceleratore sul tema della valorizzazione.

MuD intende cogliere questa opportunità che si concretizza in ambito museale attraverso la creazione di una rete che unisca in modo efficace ed efficiente gli oltre 4000 musei diffusi sul territorio nazionale.

Il gruppo di lavoro MuD è coordinato da Simona Cardinali (Responsabile Comunicazione di Ales e Project Manager di MuD), in collaborazione con Serena Cinquegrana (Ales), e si avvale del contributo di esperti dei beni culturali e del digitale tra cui Giuseppe Ariano, Alessandro Bollo, Alfredo Esposito, Maria Teresa Natale.
Il progetto è sotto la diretta supervisione della neonata Direzione generale Musei che completa il mix di conoscenze, competenze e capacità necessario al raggiungimento degli obiettivi del progetto. Manuel Roberto Guido – Direttore del Servizio II della Direzione generale Musei – guida il gruppo MuD, con la conoscenza del mondo dei Beni Culturali e la volontà d’innovazione che ha ispirato i numerosi progetti di cui è stato a capo.

Per maggiori informazioni mud@beniculturali.it

Risorse

  • Download

Vedi anche

  • Notizie

    Musei Mibact : sospesa la domenica gratuita di marzo in tutta Italia

    A causa dell’adozione delle misure di sicurezza sanitarie per l’emergenza epidemica da virus Covid-19...

    Approfondisci »
  • Notizie

    Inaugurata sabato 10 agosto la Pinacoteca Angelo Brando a Maratea

    Approfondisci »
  • Notizie

    RINASCIMENTO FUORI ORARIO 2019

    Anteprima della rassegna estiva

    Approfondisci »
  • Notizie

    ORIENTALISMI. Omaggio a Edward Said

    Antemprima della rassegna estiva "Rinascimento fuori orario"

    Approfondisci »
  • Notizie

    Nomina dei Direttori dei Musei del Polo Museale della Basilicata

    Approfondisci »
  • Notizie

    IL RINASCIMENTO VISTO DA SUD

    Mostra "Il Rinascimento visto da Sud. Matera, l'Italia meridionale e il Mediterraneo tra '400 e '500" -prorogata al 15 settembre 2019-

    Approfondisci »
And, the 40-year scenario has its problems. But you have to admit, it,s certainly food for thought where to buy lasix some scientists have linked non-steroidal, anti-inflammatory drugs (nsaids) such as naproxen and ibuprofen to the problem where to buy clomid however, if bacteria were the only organisms that antibiotics killed, much of this book would be unnecessary order metformin online when you do so, you upset the delicate balance of your intestinal terrain buy azithromycin online simply put, antibiotics are poisons that are used to kill. only licensed physicians can prescribe them some scientists have linked non-steroidal, anti-inflammatory drugs (nsaids) such as naproxen and ibuprofen to the problem buy amoxicillin without prescription yeasts are opportunistic organisms. this means that, as the intestinal bacteria die, yeasts thrive, especially when their dietary needs are met i,ll assume that the same toxicity scale remains in place today usually, the strength in numbers beneficial bacteria enjoy both keeps the ever-present yeasts in